Next practices, not best practices

Non che sia sbagliato studiare le cosiddette best practices, anzi. Io ne leggo tantissimi, servono per studiare. Il punto è che non bisogna fermarsi lì, bisogna sforzarsi di immaginare qualcosa di diverso, di migliore e di nuovo se possibile. Questo rende unico il lavoro di chi può incidere e provare a cambiare le cose. Questo rende le aziende non-mediocri e soprattutto non legate (solo) al passato.

Riflessione serale leggendo i post di Mike McCurry e di Adrian Segar

Postato 9 giugno, 2011 in Innovazione, Progettare.
Condividi su FriendFeed

Vuoi dire la tua?