The Blog Cycle

Realizzare un’attività nel campo dei social media richiede disciplina e metodo, fatto di persone, attività e processi. Questo aiuta chi vuole investire a capire che, se vuole il successo, ha bisogno di persone, processi e tecnologie. Troppo spesso molti committenti (non solo aziende ma anche agenzie di comunicazione) non hanno chiara la correlazione tra un processo strutturato ed il successo dell’iniziativa. A questo proposito è illuminate questo post su Webtrends.

Nell’immagine sotto il titolo, fatta a mano da me ricalcando lo stesso schema su Webtrends, ma che ovviamente è venuta molto peggio, c’è una sequenza dettagliata delle attività da svolgere. L’ho ribattezzata The Blog Cycle.

In primo luogo i processi da presidiare sono:

Monitoraggio
Pubblicazione
Moderazione
Risposta (a commenti)
Misurazione
Promozione
Networking
Supervisione
Manutenzione

Ciascuno di questi processi ha delle proprie peculiarità ed abilità. Ad esempio rispondere a commenti in modo pacato, interessante e capace di alimentare la discussione non è facile per tutti. Così come non tutti hanno facilità nel socializzare (networking) o nel pubblicare pezzi interessanti, ecc.

Si parte dal documento che definisce identità e posizionamento rispetto ad attività concorrenti o simili, realizzato a cura del management. Il positioning paper determina una lista di feed rilevanti da seguire (intelligence feeds). Da questi si ottiene uno schema dei tag, riempito con l’indicazione dei memi target, ossia di quelle “unità informative” che definiscono gli argomenti del nostro blog. La lista dei memi target guida la story list, una serie di bullet point con i soli titoli (o spesso solo l’indicazione dell’argomento) di ogni post. La story list contiene un piccolo brief per ogni post, in modo che il redattore abbia gli elementi per scrivere. La story list è il classico checkpoint con la direzione, solitamente nella riunione settimanale (o meglio se più frequente) in cui i responsabili di categoria illustrano le loro proposte. Approvata questa, si passa alla produzione e pubblicazione dei post, attivando il ciclo del feedback che alimenta sottoscrizioni al nostro feed e commenti, da approvare e che possono richiedere una risposta.

Altra attività cruciale per la promozione dell’attività social media è la produzione di nostri commenti su altri siti rilevanti, generalmente ricompresi nella lista dei feeds da seguire. Questa attività è più semplice se effettuata con strumenti di tracking dei commenti, la cui top five è qui.

Gli indicatori chiave per rendere misurabile il tutto ed agevolare i rapporti con il committente, basando le valutazioni su dati concreti e verificabili, sono:

1 – N nostri commenti su siti rilevanti;
2 – N post pubblicati;
3 – N sottoscrittori del nostro feed.

Quando qualcuno chiede di realizzare un blog pensando che si tratti di un lavoro poco impegnativo, è utile avere un quadro di ciò che realmente c’è da fare per avere un buon risultato.

Postato 4 dicembre, 2009 in Social Business, social media marketing.
Condividi su FriendFeed

6 commenti

  1. Antonio, mi piace il tuo illustrazione del ciclo di blog. :)

    Ho pensato di creare una serie di illustrazioni flusso di lavoro in Vizio o OmniGraffle. Insieme con il ciclo, sarebbe bello avere parametri di riferimento per quante persone e quanto tempo ci vuole per eseguire i compiti. Come hai scritto, più i dati sui processi, il personale, e lo sforzo potrebbe aiutare a spiegare la quantità di sforzo richiesto per essere di blog di successo.

    (Io ho usato Google Translate per questo commento)

  2. Hi Justin,

    thanks for your comment. Yes, the idea to create a flow-chart series is great, as it is the idea about designing a process map, with reference parameters on personnel and time efforts needed to set up a successful blog. It would be great if I can contribute to this in some way, so please let me know if I can be of help.

    About data, I can start gathering this kind of information from my experience and contacts. Moreover, in order to get more data from a wider range of people, I was thinking to make a short questionnaire to be delivered online (with surveymonkey or something like that) asking about average timing and people involved in most important phases of the cycle. Do you think this would be a good idea for your project also?

    This topic is very interesting to me, so I will come out with new ideas about it very soon. Keep in touch and hope to read more from you soon.

    Antonio

  3. Ciao Antonio, un post davvero interessante. Buona l’idea di illustrare l’intero processo offrendo un’idea di tempi e risorse per ogni singola fase e ottima anche l’idea del questionario. Ti suggerirei di approfondire l’argomento, magari dedicandogli un blog a parte.

  4. Antonio scrive:

    Grazie Maurizio, mi dai lo spunto per riprendere questa tematica… dedicare un blog a parte mi sembra troppo, ma magari può rientrare in una nuova iniziativa che sto per lanciare.
    Tu per esempio quanto tempo dedichi alle fasi principali, ovvero, cercare spunti, commentare su altri siti e scrivere? Provo a buttare giù un questionario e lo condividiamo se ti va, che dici?

    a presto e grazie ancora

  5. Buona idea! Attendo il tuo questionario :-)

    Personalmente provo a dedicare almeno 4/5 ore alla settimana per comporre i nuovi post, ma non sempre mi è possibile in quanto scrivo per un magazine e sono anche impegnato con i miei clienti. Non sono ancora solito commentare, purtroppo.

Vuoi dire la tua?