In Puglia la prima rete di distributori ad idrogeno

Passata un pò sotto silenzio, ieri è stata presentata a Roma un’iniziativa che davvero pone l’Italia all’avanguardia nel mondo. La Puglia è la prima regione al mondo che realizzerà un’intera rete di distributori per carburante auto ad idrogeno. Secondo Jeremy Rifkin, già autore de “l’era dell’accesso” ad inizio millennio, da qualche anno impegnato in una battaglia per le energie rinnovabili alternatve al petrolio, grazie a questo progetto:

«Daremo a tutti la possibilità di fare il pieno con una miscela a base di idrogeno e realizzeremo un servizio pubblico di taxi basato sul sistema idrogeno, fuel cell, motore elettrico. Le auto pubbliche a idrogeno aspetteranno i loro clienti negli aeroporti pugliesi e, visto che in tutte le province ci sarà un distributore a idrogeno, potranno fare il pieno agevolmente e tornare alla base».

L’idrogeno sarà ricavato anche dall´acqua utilizzando fonti rinnovabili locali.

Finora solo lo Stato della California ha in programma un sistema di politiche per realizzare una “exit strategy” dal petrolio. La Puglia sarebbe però la prima regione che realizza in concreto un vasto piano infrastrutturale in tal senso.

Mi tornano in mente le parole di Franco Tatò, grande e noto manager pugliese, qualche anno fa nel libro intitolato: “Perchè la Puglia non è la California” diceva:

La qualità del sistema dei trasporti, dei servizi e delle infrastrutture (… della California…) fa di questo stato americano un modello su cui riflettere se non da imitare. E in Puglia? Riusciranno incentivi fiscali, attenzione alla formazione del personale, creazione di un clima favorevole a prevalere sull’antisviluppo, sulla stupidità del sistema, sulla mancanza di fantasia nel trovare soluzioni intelligenti e soprattutto sulla mancanza di fiducia nelle persone?

Sicuramente il cammino è ancora molto lungo, ma con iniziative come questa e con l’entusiasmo degli innovatori la Puglia può provare ad essere la California d’Europa.

Postato 11 aprile, 2008 in Innovare, Innovazione, Trends.
Condividi su FriendFeed

Vuoi dire la tua?