Emporio Armani’s advertising contest

Stavo girando per Facebook quando mi imbatto in un banner che mi fa esclamare: finalmente un grande brand italiano propone il concetto di co-creazione! Non è che capiti spesso nonostante l’approccio di tipo contest è ormai in uso da almeno tre anni… cioè da quando in questo stesso blog parlavo di campagne co-create (2005) … ma ecco i fatti: Emporio Armani, per il lancio della sua nuova fragranza “get together” ha organizzato un concorso invitando tutti i creativi presenti sul web a gareggiare rispondendo alla domanda: “Cos’è get together per te?”. La risposta ovviamente consiste in una proposta grafica e video completa da inviare e sottoporre al voto del pubblico e della commissione formata da GA in persona e dal suo staff. Chi vince si aggiudica la pubblicazione della campagna con menzione in qualità di direttore creativo, più diecimila euro. Poi premi a iosa per molti, dagli orologi al profumo stesso.

Il sito, centrato sul contest, propone persino brief scritto e controfirmato nientedimeno che da Giorgio Armani in persona, una pagina con tutti la cassetta degli attrezzi creativi e le regole di editing della casa, ecc. Il concorso è partito in questi giorni e si concluderà se non ho letto male il 15 maggio…
In pochi giorni oltre 100 proposte, alcune molto carine… altre sinceramente meno.

Cosa mi lascia perplesso: rispetto a tre anni fa, un’iniziativa del genere mi lascia meno convinto. Insomma, anche se è sicuramente un passo in avanti, l’idea che un brand mi dica: “dammi le tue idee e ti regalerò il tuo quarto d’ora di notorietà… più qualche spicciolo” mi suona un pò freddina… non vero coinvolgimento ma distacco, mascherato da coinvolgimento. Sarà che non ne posso più di grandi fratelli e talent show, ma oggi credo ci siano strumenti e audience già mature per qualcosa di più… profondo. Ma perchè un grande luxury brand non dialoga, stabilmente nel tempo, anzichè imporre regolamenti e condizioni a termine?

Comunque ecco un esempio in gara (creato da Pagone/Sulmona):

Postato 31 marzo, 2008 in Customer Made, Online Advertising.
Condividi su FriendFeed

Vuoi dire la tua?