Zopa: finanza 2.0

zopa: zona di possibile accordo

Zopa sta “zona di possibile accordo” èd è un Social Lending Marketplace. Il social lending è una nicchia del settore finanziario in grande evoluzione negli ultimissimi tempi, anche grazie all’affermarsi di un modello di business su internet di tipo collaborativo. Funziona come eBay, chi è disponibile a prestare soldi si registra e posta le sue condizioni. Chi ricerca un prestito può visualizzare le disponibilità e scegliere il prestito al tasso che ritiene più conveniente. Come dice Vito Di Bari: “è un’asta al ribasso, ma mai per l’intera posta dal momento che ogni prestito viene frammentato fra molti prestatori, almeno 50 per volta. Se prestiamo 10.000 sterline e siamo in 50 al massimo si potrà verificare un ammanco di 200 sterline”. In caso di “buco” c’è un’assicurazione ad hoc che copre rischi di eventuali perdite.
Nel modello di business di Zopa le fonti di ricavo sono principalmente due: le commissioni applicate sia a chi prende in prestito (0,50% per transazione) che ai prestatori (0,50% l’anno per fare parte del gruppo) e poi la vendita di polizze assicurative contro i rischi di perdite come detto prima.

Il servizio è attivo nel Regno Unito e presto anche in USA, e nel confronto con i prestiti offerti dalle banche tradizionali la differenza c’è eccome. Infatti per uno stesso ammontare con Zopa si risparmia circa il 50% verso le banche tradizionali (7% di Zopa contro 14,9% di HSBC) e circa un 10-12% verso altre banche online. Solo la Virgin Money di quel matto da legare di Richard Branson tiene il passo con una differenza minima (7,3% contro il 7% di Zopa).
Secondo Zopa riuscire ad entrare in contatto con prestatori privati permette di far ottenere ai propri clienti i migliori tassi sul mercato, semplicemente eliminando l’intermediazione tradizionale. Ultima nota, il sito è ricco di informazioni e nelle sidebar ci sono widget in cui appaiono come notizie dati come il numero di clienti nelle ultime 24 ore, le città di origine, ecc. Io conosco aziende che i dati li tengono chiusi a chiave anche se, come questi, messi così non dicono granchè. Altro che furbetti del quartierino!

Postato 3 maggio, 2007 in CRM, Customer Made, Innovare, Innovazione, Social Business.
Condividi su FriendFeed

Un commento

  1. baliggia68 scrive:

    ciao a tutti hoaperto un forum sulle aste a ribasso e giochi online.
    vi aspettiamo numerosi.
    http://asteegiochionline.forumfree.net/

Vuoi dire la tua?