Cetemmsa: centri di ricerca alla ricerca del business!

Il centro di ricerca Cetemmsa di Barcellona è specializzato nella ricerca applicata agli smart textiles. Il video da poco inserito su YouTube è un promo che mostra le potenzialità del settore ed alcuni prototipi da loro realizzati. Dalla tenda che riscalda ai tessuti decorativi, all’abbigliamento con l’immancabile giubbotto tecnologico (il primo a vedersi in commercio ormai oltre 6 anni fa si deve agli americani della Scott eVest). Cetemmsa si è strutturata come un vero centro di sostegno all’innovazione, offrendo collaborazione dalla fase di realizzazione del prototipo fino all’ottenimento di un prodotto pronto per la vendita. Non solo scienziati ed ingegneri, ma anche consulenti di business e progetti di formazione.

In Italia la ….. Grado Zero Espace di Empoli, attiva nello stesso settore, sembra essere strutturata in modo simile. Ho avuto un fugace contatto con loro qualche mese fa e mi illustrarono la volontà di applicare queste innovazioni a prodotti reali, commercializzabili ed in grado di fare business. Non so se le loro attività di consulenza sia effettivamente partita ad oggi (spero di si anche se il sito mi sembra un pò fermo). Anche perchè siamo in ritardo verso Nord Europa, Spagna ed Inghilterra, che può vantare aziende come Eleksen.
Credo che i distretti della moda, delle calzature, dei divani ed altri in Italia possano cogliere l’occasione e provare a raccogliere l’invito. A buon intenditor…..

Postato 12 febbraio, 2007 in Belowthebiz TV, Innovare, Innovazione, Trends.
Condividi su FriendFeed

2 commenti

  1. Siamo più che partiti e estremamente interessati ad importare tecnologie non solo a livello tessile ma ovunque servano maggiori perfomances reali. La nostra esperienza partita a livello Europeo si sta lentamente rivolgendo all’italia per iniziare un processo di “concretizazione reale della tecnologia” fenomeno con tutto il rispetto nel quale senza dubbio abbiamo iniziato un pò prima dei nostri cugini spagnoli visto che il nostro primo giubbotto in “aerogel” è stato realizzato e messo in vendita nel 1999. Il sito sta progredendo ed è già attivo un area “Store” dove si possono acquistare alcuni prodotti “sintesi” della nostra esperienza. Vedere: http://www.gzespace.com/new/ita/Store.html
    Per quanto riguarda il nostro incontro siamo interessati a riprendere il discorso perchè crediamo necessario che in Italia si diffonda la filosofia del trasferimento tecnologico anche come filosofia. Non vorremmo farci superare dai nostri cugini “Spagnoli”.

  2. salve, mi fa molto piacere che siate partiti e anzi se avete esperienze di successo in Italia da segnalare sarei felice di dedicare un post. So anche che siete attivi da molti anni e tra i migliori del mondo.

    A mio avviso i casi di successo più noti, che meglio di altri hanno saputo “concretizzare la tecnologia” hanno una caratteristica in comune: si sforzano di usare lo strumento marketing in modo pratico ed efficace. Meno filosofia e più comunicazione dunque.

    Anche in Italia per diffondere l’innovazione e riuscire ad “integrare” meglio il mondo della ricerca con quello imprenditoriale ci sarebbe bisogno di intraprendere quella strada, uscendo dai tradizionali circoli della ricerca, delle università o delle istituzioni, rivolgendo l’attenzione ad una platea più vasta di potenziali clienti e investitori.

    In questo senso mi ha colpito la presentazione del cetemmsa, in cui è chiaro l’intento di proporsi e di instaurare un dialogo diretto con chiunque sia interessato. Come a dire: hello world, noi siamo qui e facciamo questo, immaginate cosa potremmo fare per voi… segue esempio pratico e concreto delle funzionalità dei prototipi.
    Questo significa accendere la curiosità di imprenditori e investitori. D’altro canto il web oggi offre l’opportunità di fungere da piattaforma di comunicazione multimediale, con immagini, filmati, audio, contenuti. Non ci sono più scuse per non sfruttarlo appieno.

    Ad esempio guardi i video dei test di prodotto della eleksen sempre su youtube. Illustrano un prodotto reale, c’è il tecnico che spiega caratteristiche e funzionamento, ecc. Prenda il video di oricalco. Il prodotto è stupefacente ma nessuno illustra cosa sta succedendo mentre il tessuto si modifica al calore del phon. Se fossi un cliente o un imprenditore non avrei sinceramente ben chiaro cosa realmente potrei farci con oricalco. Solo se fossi un lettore di newton comprenderei quale fantastico potenziale abbia.

    Ci vuole un marketing delle idee più aggressivo, con contenuti più accattivanti e “commerciali” accessibili non solo ai tech geeks ma anche ad un pubblico di non addetti ai lavori. Ovviamente la mia opinione riguarda solo quello che posso vedere sul web e intendo porgerla con spirito sinceramente costruttivo. Se vuole riprendere il discorso e approfondirlo sono a sua disposizione.

    Grazie mille per aver scritto!

Vuoi dire la tua?