Philips Streamium Cafè

Philips fa squadra con i clienti

La Philips ha creato un forum (lo Streamium Cafè) che di fatto tiene costantemente informata l’azienda su cosa pensano i clienti utilizzatori del prodotto. Il prodotto in questione è il sistema Philips Streamium, che consente di gestire in WiFi i sistemi audio di casa, come TV e stereo, rimanendo sempre connessi ad internet. Grazie all’abilità nel creare un ambiente accogliente (il nome Cafè rende l’idea) in cui l’azienda dialoga ma senza autoritarismi, la Philips è riuscita a creare una comunità di 1.500 clienti registrati, che non solo si scambiano trucchi ed opinioni, ma che provano per esempio in anteprima nuove versioni, nuove funzionalità, che sono lin molti casi loro stessi a suggerire.

C’è chi suggerisce un diverso display, chi una modifica del pannello di controllo, c’è di tutto.

Ma non sono solo i clienti a parlare, ed infatti a mio avviso è proprio questo l’aspetto più interessante. La Philips ha dei rappresentanti, che partecipano attivamente al forum apparendo con il proprio nome e qualificandosi come “Philips rapresentative”. In questo modo i clienti non parlano con il marchio, ma con delle persone vere, che imparano a conoscere anche oltre la sfera lavorativa (grazie alla scheda di profilo in cui ci sono i contatti) e con i quali instaurano un rapporto di fiducia. I rappresentanti della philips presentano in anteprima le novità in arrivo, rispondono a lamentele, aiutano a risolvere problemi, ecc.

Veramente un bell’esempio di co-creazione e co-gestione di prodotto!!

Postato 1 settembre, 2005 in Customer Made, Innovare.
Condividi su FriendFeed

2 commenti

  1. Si… proprio un bell’esempio! Molti dei prodotti Streamium non funzionano(i Video non si vedono). Un totale Furto! Il problema è che la Philips non si preoccupa di ritirarli dal mercato e continua a vendere prodotti che sottomolti aspetti funzionano male. e sopratutto nel forum i rappresentanti di Philips non si fanno più vedere!

  2. Antonio scrive:

    hai ragione davide, ho constatato anch’io. siamo alle solite: belle intenzioni purtroppo non mantenute. Da noi si chiamano “paraculate”.

    Ciao e grazie per il commento.

Vuoi dire la tua?